USI E VALORI DI RES NELLE NOVELLAE GIUSTINIANEE
Anna Maria Bartoletti Colombo
USI E VALORI DI RES NELLE NOVELLAE GIUSTINIANEE
47

Il criterio linguistico un po’ sommario secondo il quale si

è soliti distinguere le costituzioni giustinianee posteriori al Codi-

ce in Novellae greche e Novellae latine, è una scelta di comodo,

che rischia però di confondere le idee anziché chiarirle su una si-

tuazione testuale piuttosto complessa. In realtà, poche sono le co-

stituzioni esclusivamente greche o latine: per la maggior parte dei

casi si tratta di testi bilingui, più esattamente, di originali gre-

ci di cui possediamo anche una versione latina, pervenutaci, così

come i testi originarimente redatti in questa lingua, nella raccolta

dell’ Authenticum. Versione ‘alla lettera’ e, com’è stato più volte

notato, ottusamente fedele agli originali di cui ricalca con pun-

tiglioso scrupolo forme lessicali e sintattiche; al tempo stesso qua-

si incurante dei contenuti, che ne risultano oscuri, ambigui, spesso

distorti 1 . Dal medesimo difetto di chiarezza non vanno esenti

le novelle originariamente latine: si tratta di costituzioni dirette

48

all’Occidente e si capisce che latino ne fosse il testo ufficiale,

ma neppure in questo caso sarebbe lecito escludere la possibilità

di modelli ufficiosi, fisici o anche solo mentali, in lingua greca.

L’ipotesi, posto che possa reggere a un vaglio più rigoroso, depor-

rebbe a favore della sincronia dei testi contenuti nell’ Authenticum

e, in definitiva, dell’attribuzione di questa raccolta al VI secolo, se-

condo l’orientamento che oggi prevale, ma che ancora non ha

trovato il conforto di argomenti adeguati.

Se fraintendimenti e sviste che abbondano nelle versioni del-

l’ Authenticum, ma hanno pur sempre un carattere occasionale,

si possono accettare con maggiore o minore indulgenza, ma si

spiegano, meno evidente è apparsa la ragione di quell’aderenza

puramente formale agli originali greci, che è costante, sistematica,

dà luogo a uno ‘stile’ che alla stregua d’una patina uniforme ma-

schera altri eventuali caratteri che potrebbero essere indizi d’un’

epoca o d’un ambiente particolare. Di questo ‘stile’ non v’è stu-

dioso che non abbia cercato una spiegazione, e chi ha creduto

di trovarla ipotizzando traduttori di lingua greca non abbastanza

esperti di latino, chi viceversa traduttori di lingua latina inesperti

di greco, chi infine, traduttori egualmente estranei all’una e all’al-

tra lingua, per esempio d’ambiente illirico. La questione s’inserisce

nell’altra, più vasta e di viva attualità nell’interesse degli studiosi,

che riguarda la cultura nel mondo tardo-antico, la conoscenza e la

diffusione del latino in Oriente. Questione affascinante, ma insi-

stervi significherebbe allontanarsi dal tema che è stato proposto,

in funzione del quale è sufficiente qui aver chiarito due punti:

1) la natura complessa del rapporto latino-greco nei testi

delle Novellae, dove il greco è d’immediata utilità nell’interpreta-

zione del latino, ma a sua volta risente dell’uso giuridico di questa

lingua, dalla quale traslittera, adatta, prende in prestito le espres-

sioni più tecniche; la stessa voce res offre chiari esempi: αί in rem

missiones
(nov. gr. 39, Praef.), της in rem missionos ( ibid .); l’e-

spressione ή in rem ricorre quattro volte nei testi greci per signi-

ficare l’ act io in rem (nov. gr. 61, 1, 1; 91, 1; 108, 2, due volte):

49

nei corrispondenti luoghi latini la stessa azione viene designata

con l’espressione ellittica in rem, conforme all’originale greco;

2) l’esame dell ’Authenticum nel suo complesso o in una

sua parte che può essere ridotta a una sola voce come in questo

caso, non può avvalersi d’un contesto storico definito, ma a que-

sta definizione può se mai recare qualche contributo.

Se il primo punto giustifica l’estensione della presente inda-

gine alle novelle anche greche, il secondo legittima qualche dub-

bio sull’utilità d’esaminare un singolo termine in un ambito così

particolare, per giunta mal definito sotto vari aspetti: cronologico,

giuridico (ancora ignoriamo se l’ Authenticum fosse una raccolta

ufficiale o privata), linguistico, ambientale. Evidentemente, l’es-

sere io impegnata nella compilazione d’un vocabolario delle co-

stituzioni giustinianee non è argomento sufficiente a rendere signi-

ficativo il taglio che intendo dare a questo contributo, anche se ciò

è stato determinante per me; il fatto che del vocabolario sono stati

pubblicati finora solo 7 volumi nei quali non rientra la voce res,

può al più aggiungere l’interesse, del tutto effimero, d’una brevis-

sima anticipazione. Ma mi soccorrono qui due argomenti. L’uno

è connesso alla voce res che qui interessa, voce che abbraccia un

ambito semantico eccezionalmente vasto, ma alla quale viene con-

cordemente attribuito come valore originario quello di ‘proprietà’,

‘bene’ (Ernout-Meillet e altri), che ha una chiara connotazione

giuridica, e non è un caso che, come si vedrà, questo sia il valore

preminente nelle Novellae, così come ritengo in altri testi giu-

ridici anche di diversa natura.

L’altro argomento riguarda le stesse Novellae e il prestigio

che esse hanno goduto almeno a partire dall’XI secolo proprio

nella raccolta dell ’Authenticum che per ciò stesso acquista un va-

lore anche linguistico più generale, per negativi che possano ap-

parire i suoi particolari caratteri.

La voce res ricorre 641 volte, variamente flessa, nelle No-

vellae
latine, 7 volte nelle Novellae greche (6 volte all’accusativo

50

nelle espressioni in rem missio, ή in rem ; una volta all’ablativo

in una formula testamentaria); respublica e revera sono gli unici

composti della voce presenti nei testi latini; nessun composto nei

testi greci. Ricavo queste informazioni dagl’Indici del Legum

Iustiniani Imperatoris Vocabularium
dell’Istituto di diritto roma-

no dell’Università di Firenze (L.I.I.V., ma M.V.L.I.E.R. — Ma-

gnum Vocabularium Legum Iustiniani electronice recollectum


per gli amici che intendono così accostarlo al V.I.R. — Vocabula-

rium Iurisprudentiae Romanae
— forse non senza un’allusione

bonariamente scherzosa alla sua curatrice). Nello stesso vocabola-

rio ( Novellae, Pars latina, t. VIII, d’imminente pubblicazione),

la voce figura con tutti i suoi contesti ordinati secondo le forme

di cui sono state distinte le omografie di caso e sono stati segna-

lati gli usi strani e gli abusi che venivano in rilievo nell’attuare

tale distinzione.

L’essere ora svincolata dai criteri d’elaborazione del vocabola-

rio, che era pur necessario adeguare all’economia generale d’un’ope-

ra tanto vasta, mi consente di delineare, nell’ambito della voce res,

una casistica più ampia di usi aberranti o per qualche motivo no-

tevoli, che si riscontrano nei testi tradotti e che trovano in ge-

nere una più o meno vicina origine comune nell’evidente sugge-

stione della lingua greca 2

1. Presenza della voce in una perifrasi (res quae nuptias sol-

vunt
) che traduce in modo maldestramente generico un termine

molto preciso διαζύγια che troverebbe un preciso corrispondente

nel latino repudia : 703,5 = 140,1, pr.: « Si enim in alterutrum

adfectus nuptias solidat, merito contraria voluntas istas cum con-

sensu dissolvit, adsignificantibus rebus quae nuptias solvunt»

(«... των ταύτην δηλούντων στελλομένων δ ι αζυ-

γ ί ω ν »).

51

2. Inesattezza nel contesto: non muta il valore del termine

in sé, ma muta il senso dell’espressione di cui fa parte.

- Inesattezza di lessico:

133,31 = 18,17: « licet tamen descriptiones facere rerum

quas partire voluerit» (« άλλ’έξεστι νεμήσεις ποιήσασθαι

των πραγμάτων, άπερ άν διανεμηθήναι βουληθείη»); lo scam-

bio descriptiones per divisiones o, più probabilmente, distribu-

tiones,
sembra dovuto a errore di trascrizione più che di tra-

duzione;

401,20 = 82,1, pr.: «eligere [iudices] vero perspeximus

in rebus utilibus habentes adtestationem» («... δικαστάς τούς

τήν πανταχόθεν επί χρηστο ι ς έχοντας μαρτυρίαν»);

680, 10 = 134, 3, pr .: « huiusmodi odibilem >rem » (« τοιου-

το μ υ σ ο ς ») ; μ υ σ ο ς per μ ύ σ ο ς confuso con μ ι σ ο ς ?

- Omessa traduzione di una parte del contesto:

= 22,44,5: «secundum quod dictum est, suarum

rerum accipiat quidem quod relictum est» (« κατά τό είρημένον

των όντων αύτω πραγμάτων μέτρον λαμβανέτω μέν τό

καταλελειμμένον»);

703,5 = 140,1, pr. (citato anche al precedente punto 1):

«adsignificantibus rebus quae nuptias solvunt» (« των ταύ -

την δηλούντων στελλομένων δ ι αζυ-

γ ί ω ν ») .

- Improprietà di caso.

a) Genitivo in luogo d’ablativo:

19,4 = 3; Praef.: «quatenus rerum omnium creditoribus

cedere» (« τό των όντων απάντων τοις δανεισταις

έκστηναι»);

768, 11 = Ed. 8, Praef.: « Sed mox ut ab ipsis cognovi-

mus rerum» («άλλ’έπείπερ έξ’ αύτων έγνωμεν των

πραγμάτων» ;

non inesatto, ma notevole il genitivo di paragone in:

208, 2 = 26, 4, 2: «...ut in quibus inferiores rerum sunt, in

his augeantur et adimpleantur nostrae voluntatis ac iussionis adiec-

52

tione »(«... έφ ’ οις καταδεέστεροι των πραγμά-

των είσίν ...»).

b) Genitivo in luogo di dativo:

221,40 = 29,4: «et si rerum praesunt potentibus compe-

tentium
hominibus» (« κάν εί πραγμάτων προισταντο

δυνατοις προσηκόντων άνθρώποις»);

674, 19 = 133,5,1: « melioribus et sanctioribus studiis in-

troductis et decentibus rerum » (« των καλλιάνων τε καί όσιω-

τέρων έπιτηδευμάτων άντεισαγομένων τε καί έμπρεπόντων

τοις πράγμασιν»).

c) Nominativo in luogo di genitivo:

488, 9 = 101, Praef.: «Scientes enim quia haec res erit in

praesenti correctio» (« έπιστάμενοι γάρ ώς του πράγμα-

τος έσται του παρόντος έπανόρθωσις»).

3. Scambio di numero: singolare in luogo di plurale:

472, 27 = 97,3: «credi tores, quorum pecuniis empta aut

renovata res est » (« δανεισταί, ών τοις χρήμασι έκτηθη ή άνε-

νεώθη τά πράγματα»);

590, 27 = 120, 11: « res quae contra virtutem earum [scil.

legum ] data est» (« τά πράγματα τά παρά τήν δύ-

ναμιν αυτων δεδομένα») .

Nell’esaminare la voce all'interno dei suoi contesti, m’atten-

go a un criterio descrittivo più che definitorio e in particolare

evito di separare accezioni comuni e accezioni giuridiche. Qua-

lunque sia stato il suo valore originario, è certo che ben prima

di Giustiniano la voce era tanto banalizzata da potersi considerare

estremamente generica e tale da far apparire ozioso quanto arduo

ogni tentativo di definirla. Come i suoi corrispondenti nelle lin-

gua antiche e moderne, res è il nome con il quale si designa tutto

ciò che non si vuol definire, e questo vale per il parlar comune

come per il discorso giuridico. La res giuridica non è che un aspet-

to della res comune, considerata nella sua attitudine a essere

posseduta o in dominio e come tale riceve non direi una de-

53

finizione giuridica, ma delle specificazioni che la scienza del di-

ritto ha escogitato al fine di meglio adeguarne la disciplina alla

varietà dei casi ( res sua, aliena, privata, publica, venalis, extra

commercium, mobilis, immobilis
e simili). Parimenti, non mi sen-

tirei d’attribuire un carattere giuridico a normali estensioni della

voce res, che pur trovano largo uso in vari ambiti del diritto;

tanto meno mi sentirei di stabilire senz’altro equivalenze del tipo

res = causa , res = lis. Di fatto, una questione che si dibatta in

tribunale è una lis, non diviene necessariamente tale quando si

dibatta per esempio tra studiosi o tra uomini qualsiasi della

strada, ma in quanto questione è sempre la stessa: in ogni caso

c’è un ‘argomento’ una ‘causa’, su cui si discute e una ‘discussio-

ne’ in merito, che ambedue sono compresi nel termine res. Di ciò

è consapevole Varrone quando spiega «quibus res erat in contro-

versia, ea vocabatur lis; ideo in actionibus videmus dici: Quam

rem si ve mi litem dicere oportet» 3 . Mentre Cicerone dichiara:

«Illud mihi mirum videri solet, tot homines, tam ingeniosos, per

tot annos etiam nunc statuere non potuisse, utrum [...] rem, an

litem dici oporteret» 4 .

E la questione che non sia contenziosa (non importa se giu-

ridicamente o no) è semplicemente un argomento, una causa, e da

causa a motivo il passo è breve, tanto che spesso le due nozioni

si confondono, e così di seguito si vede come i passaggi semantici

siano piani e poco nettamente distinguibili, al contrario, come

più accezioni possano cumularsi in un medesimo uso del termine

res.

Ma confesso una mia naturale inclinazione a ricomporre

nell’unità d’una voce le sue più disparate accezioni piuttosto che

insistere sui suoi elementi distintivi, inclinazione che ha trovato

nella voce res un terreno pericolosamente congeniale, dove po-

trebbe spingersi tanto oltre da incappare nell’accusa di logicismo

54

linguistico. E ciò basta a risospingermi senz’altri indugi ad rem,

anzi, in medium rem.

Come già ho accennato, nelle Novellae giustinianee il termine

res (πράγμα di norma nei testi greci) designa in prevalenza la

cosa concreta considerata come bonum e tanto vale a indicare

il genere indeterminato, quanto vari gradi e tipi di specificazione

che spesso si delineano nel contesto implicitamente anche in pre-

senza di particolari attributi, secondo gli usi che vedremo di se-

guito 5

Res non altrimenti specificato, al singolare designa il genere

dei bona :

588, 25 = 120, 9, pr.: «dolus in re »;

330, 24 = 61, 1; 455, 13 = 91, 1; 516, 8 e 12 = 108, 2:

«(actio) in rem » («ή in rem »);

al plurale designa ‘beni’ generici, ‘dovizie’:

124, 36 =17, 12: «non enim sunt res quae delinquunt,

sed qui res possident»;

247, 24 = 38, Praef., 1: «Si quis denumerat nostrae rei-

publicae curias, attenuatas inveniat, alias quidem neque virorum

neque rerum copias habentes, alias autem paucorum forsan ho-

minum, rerum autem nihil penitus» (« τά μέν ούτε άνθρών εύ-

πορουντα ούτε χρημάτων, τά δέ όλίγων μέν ίσως άνθρώ-

πων, χρημάτων δέ ουδαμως »).

Con specificazioni d’appartenenza, sia al singolare collettivo,

sia al plurale, indica ‘le sostanze’ di qualcuno, l’universalità dei

suoi beni, senz’altre distinzioni di categoria:

27, 5 =4, 3, pr.: «subtili aestimatione facta rerum debito-

ris, dari secundum quantitatem debiti possessionem immobilem

creditoribus cum tali cautela cum qua debitor dare possit»;

55

19, 40 = 3, Praef.: « quatenus rerum omnium [scil. omni-

bus suis rebus
] creditoribus cederei»;

95, 9 = 12, Praef.: « sobolem quidem inculpabilem existen-

tem privant rebus patris » (« των του πατρός »);

149, 2 = 22, 2, pr.: « Uti legasset quisque de sua re, ita

ius esto» (la formula è latina anche nel testo greco);

176, 1 =22, 40: «dimidiam portionem dent filiis suarum

rerum
» (« των οικείων »);

352, 18 = 69, 2, 1: « de absentis rebus compleatur victori

damnum »;

543, 9 — 115, 3, 14: «sine aliqua distinctione substantias

eorum ad res privatas nostras similiter pervenire sancimus»;

Con diverse qualificazioni denota una somma di beni o beni

singoli:

546, 14 = 115, 5, pr.: «etiamsi certis rebus iussi fuerint

esse content »;

53, 21 = 7, 2, 1: «donatarum rerum immensitas» («των

δωρουμένων άμετρία »);

167,15 = 22,26, pr.: «ex lucratis rebus » (« έκ των

κερδανθέντων»);

524,10 = 112,1: « Lite de re litigiosa pendente» (« δίκης

περί litigiosου ήρτημένης »).

Per i singoli modi in cui la voce res si specifica giuridica-

mente nei testi delle Novellae, rinvio alla lista di nessi lessicali e

sintattici che aggiungo in appendice a questo contributo; qui mi

limito invece a considerare più in generale il valore di tali spe-

cificazioni che non sono mai perfettamente definite e definitorie,

ma ritengono virtuali pregnanze, oscillazioni, ridondanze, che si

precisano nelle fattispecie.

Nella sua articolata classificazione delle cose, il diritto ro-

mano individua tante categorie logiche diverse quanti sono gli

aspetti secondo i quali le cose possono acquistare rilevanza

giuridica. Poiché requisiti logicamente diversi talvolta si cu-

56

mulano o si escludono necessariamente in una stessa res, tal-

altra hanno una virtuale compatibilità reciproca, accade che

qualsiasi attributo o specificazione valga a definire la res non

solo per quanto esplicitamente dichiara riferendosi a una partico-

lare categoria, ma anche per tutto ciò che implica o tacitamente

esclude. La res immobilis è sempre ‘corporale’, di norma non è

‘consumabile’, mentre può essere ‘alienabile’ o ‘inalienabile’,

‘commerciabile’ o 'extra commercium', ‘divisibile’ o ‘indivisibile’.

D’altro canto, non sempre le categorie giuridiche di res si

circoscrivono entro netti confini, né tutte le cose consentono d’es-

sere rigidamente classificate: avviene così che le specificazioni di

categoria possono essere oscillanti e definirsi di volta in volta

in un contesto più ampio.

Per esempio, nei due passi seguenti, l’oro sembra essere

compreso tra le res mobiles, ma non allo stesso titolo di altre,

poiché si sente il bisogno di nominarlo singolarmente:

425, 28 e 426, 2 = 88, 1: «si quis ab aliquo accipiat aurum

aut res aliquas depositi causa... » (solo le cose mobili, com’è

noto, possono costituire oggetto di deposito);

27, 16 = 4, 3, pr.: «si aurum non recepii aut aliud rerum

quae portari possunt
».

Altrove invece l’oro, così come il danaro in genere, è evi-

denziato rispetto ad altre cose che sembrano da intendersi come

mobili o immobili indifferentemente:

38, 14 =6, 1, 9: «[episcopatus ordinationem] non pecuniis

emere neque per rerum aliquarum dationem suscipere, sed puram

percipere et sine mercede, tamquam a deo datam»;

38, 31 = 6, 1, 9: «qui aurum aut rem propter patroci-

nium ordinationem accepit»;

596, 18 = 123, 2, 1: «Prae omnibus illud servari volumus,

ut nullus per suffragium auri aut aliarum rerum episcopus ordi-

netur».

Infine può ancora darsi che nomi diversi designino una

stessa categoria di cose. Ciò accade quando il processo evolutivo

57

della realtà ha precorso il processo linguistico e un nuovo nome

più aderente alla realtà mutata coesiste con l’antico senza riu-

scire a soppiantarlo.

È il caso delle res ecclesiasticae, che nelle Novellae giu-

stinianee s’identificano ormai con le res sacrae:

48, 6 = 7, Rubr.: «De non alienandis aut permutandis

ecclesiasticis rebus immobilibus »;

Ibidem, Praef., pr.: «Quod etiam in omni legislatione fa-

cientes credimus oportere et in alienationibus, quae fiunt super

sacris rebus, una complecti lege »;

280, 3 = 46, Rubr.: «De ecclesiasticarum immobilium re-

rum
alienatione et solutione»;

Ibidem, Epil.: «Tua igitur celsitudo quae placuerunt nobis

cognoscens secundum hoc procedere super sacris rebus aliena-

tiones custodiat»;

578, 6 = 120, Rubr.: «Die alienatione et emphyteosi et lo-

catione et hypothecis et aliis diversis contractibus in universis

locis rerum sacrarum »;

Ibidem, Praef.: « Multis et diversis legibus super alienatio-

nibus et emphyteosibus et locationibus et reliqua administra-

tione ecclesiasticarum rerum plantantibus praevidimus omnes prae-

senti comprehendere lege ».

Le res sacrae, che nella summa divisio gaiana occupavano

il primo posto delle res divini iuris, perduta l’antica dignità come

categoria di beni reali, tendono a trasformarsi in categoria di

beni dello spirito:

666, 14 = 133, Praef., 2: «Singularis vita eiusque contem-

platio res est sacra et ex hoc evehens animas ad deum» 6 .

58

Un cenno esemplificativo ad altri valori che la voce res assu-

me nelle Novellae giustinianee, dove è suscettibile di tutte le

sue normali estensioni 7 :

- come ‘sostanza’ che si contrappone a forma:

109, 13 = 15, Praef.: «Aliis siquidem alia data sunt ab

antiquitate nomina significativa aperte rerum»;

469, 35 = 97, Praef.: «aliis quidem permisit in mille for-

san aut in duobus milibus aureis facere dationem aut in quan-

tumcumque voluerint, aliis autem non tantum sed et minus, ut

aequalitas in verbis solis et litteris puris, sed non in rebus ipsis

quaereretur»;

717, 8 = 146, 3: «Oramus vero in eos aut per istam aut

per illam linguam sacros libros audientes servare quidem interpre-

tantium malignitatem, non solas vero considerare litteras, sed

rebus
effici et divinum veraciter intellectum accipere»;

- come ‘realtà sperimentabile’, ‘fatto’:

212, 9 =28, Praef.: « non enim in nominum multitudine

fortitudo ponenda est, sed in vero rerum effectu»;

171, 1 = 22, 29, pr.: « Ex rerum vero consequentia hoc

ipsum et in patribus sit secundo nuptias facientibus»;

187, 31 = 23, Praef.: « Ex rerum autem experientia inve-

nimus hoc satis esse damnosum» (lat.) ;

406, 29 = 82, 11, 1: «Et quia cognovimus ex rerum ex-

perimento
incautum hoc esse...»;

290, 8 = 49, 1, pr.: «volumus eum qui vicit causam, si

voluerit pro veritate firmari sententiam, non ex circumventione

nec ex tempore quodam, sed ex ipsa rerum veritate »;

223, 7 = 29, 5, pr.: «Nihil enim in parvo consistere magnum

et a praecedentibus nos dictum est et apud nos ipsos in ipsis valet

et approbatum est rebus » («... έπ’ αυτων τώ v έρ-

γων»);

59

370, 24 = 74, Praef. pr.: «ex his autem quae a natura re-

rum
per singula moliuntur... » (« έκ δέ των καθ’έκάστην ύπό

της φύσεως τεχναζομένων...»);

- ‘questione’:

250, 11 = 38, 3; « Quodsi legitimorum filiorum fuerit pa-

ter, tunc res decernenda est, utrum tantummodo masculi an tan-

tummodo feminae an certe permixti sexus sint, quatinus lex undi-

que perfectionem habeat et curiae utilitatem »;

378, 16 = 75, 2: « oportet res civiles, cum aliquam habue-

rint dubitationem, nostri quaestoris iudicio dirimi » (lat.);

- ‘ragione’, ‘motivo’, ‘causa’:

369, 16 = 73, 8, 2: «ut non de rebus exiguis maximas

homines attritiones sustineant»;

683, 23 = 134, 9, pr.: «nulla mulier de qualibet re inclu-

datur aut custodiatur»;

255, 16 = 39,1, pr.: « quam ob rem» («διά τοι του-

το);

486, 15 = 100, 2, pr.: « qua de re » («ώστε »);

271,39 = 43,1,1: «huius rei gratia» (« ταύτης ένεκα

αιτίας »);

799, 17 = Α pp . 7, 1: « nulla cuicumque danda licentia contra

ea venire, quae a praedictis personis pro quibuscumque rebus

vel titulis data vel concessa esse noscuntur» (lat.).

Infine, con valore molto affievolito, la voce res ricorre nei

seguenti tipi di uso.

- In espressioni con funzione indicativa, per richiamare

o riassumere ciò che è stato detto precedentemente:

haec res = hoc, illa res = illud:

255, 35 = 39, 1, pr.: «liceat etiam ei nuncupatam antenup-

tialem seu propter nuptias donationem offerre, nihil quantum

in illis rebus restitutione valente»;

51, 26 = 7, Praef., 1: « huius rei » ( «τούτου »);

60

373,25 = 74,2,1: « huius rei damus licentiam» (« έ ν

τ ο ύ τ ω δίδομεν παρρησίαν »);

624, 27 = 123, 44: « Providentibus huic rei locorum epi-

scopis» (« προνοούντων του τοιούτου των κατά τόπον

όσιωτάτων επισκόπων »);

702, 21 = Praef.: « pro hac re» («περί ταυτα»);

res = haec res = hoc :

803, 15 = App., 8, 10: « Si quae autem pignora pro debito

per clades Italiae perierunt, rei communem eventum tam debitor

quam creditor sentiat» (lat.).

In espressioni con funzione appositiva:

334, 13 = 63, Praef.: «sequitur autem in hac regia urbe non

posse aliquem intra centum pedes prohibere maris aspectum, rem

gratissimam
» (diversa la concordanza nel testo greco: «... κω-

λύειν θαλάττης άποψιν, πράγματος χαριεστάτου» ),

- in espressioni con valore indefinito:

omnes res = omnia, nulla res = nihil, alia res = aliud:

147, 3 = 22, Praef.: «lex quaedam est communis, omnibus

propria rebus competentem ordinem ponens»;

101,12 = 13,1,2: «paulatim ita res abiecta visa est et

nullae rei digna» (« άξιον ούδε ν ó ς »);

339, 12 = 65, Praef., 2: «animae redemptio aliis omnibus

rebus pretiosior est
» (lat.);

res = aliquid:

241, 5 = 34: « Rem duram atque inhumanam et quae ultra

omnem impietatem et avaritiam fit perspeximus lege saluber-

rima sanare » (lat.).

61

APPENDICE

Nessi lessicali e sintattici della voce res nella Novellae giu-

stinianee. (Per i luoghi si fa rinvio al Legum Iustiniani Impera-

toris Vocabularium
dell’Università di Firenze).

res abiecta

  • ablata
  • adquisita
  • agenda
  • alia
  • aliena
  • alienata
  • aliqua
  • amabilis
  • appetibilis
  • cautissima
  • certa
  • civilis
  • clara
  • collata
  • communis
  • competens (alicui)
  • congrua bonis moribus
  • conscripta
  • constituta
  • credibilis
  • curialis
  • danda emphyteosi

  • res data

  • decernenda
  • deputata
  • deterior
  • devoluta
  • divina
  • donata
  • dura atque inhumana
  • eadem
  • ecclesiastica
  • emphyteotica
  • empta
  • evehens animas ad deum
  • exigua
  • existens
  • gratissima
  • gravata
  • haec
  • hereditaria
  • huiusmodi
  • illaesa
  • immobilis
  • imperialis
  • 62

  • res impia
  • inhumana
  • inlicita
  • innumera
  • insinuata
  • insueta (non)
  • integra
  • ipsa
  • iussa restitui
  • litigiosa
  • locata
  • lucrata
  • manifesta
  • materna
  • melior
  • militaris
  • mixte
  • ( si mixte sint res )
  • mobilis
  • necessaria
  • neglecta
  • nova
  • nulla
  • obligata
  • odibilis
  • omnis
  • parva
  • paterna
  • permixta
  • plena castitate
  • plurima et innumera
  • praedicta
  • privata
  • prohibita alienari
  • res propria

  • ptocbica
  • quae extrinsecus advenerunt
  • in quaestione sunt
  • portari possunt
  • publica
  • quae
  • quaecumque
  • quaelibet
  • recompensanda
  • recta (non)
  • relicta

    reliqua
  • renovata
  • reparata
  • reposita
  • residua
  • sacra
  • servata
  • sese movens
  • specialis
  • sterilis
  • studiosa
  • sua
  • sufficiens
  • supposita
  • talis
  • translata
  • uberior
  • universa
  • utilis
  • utraque
  • venalis
  • 63

  • vendita
  • veniens (ad aliquem)
  • vindicanda

    publica res
  • res absentis

  • administrationis
  • adolescentium
  • adversarii
  • aerarli
  • alterius
  • antenuptialis donationis
  • capti
  • collegii (sacrati)
  • debitoris
  • defuncti
  • delinquentium
  • dotis
  • ecclesiae
  • eius
  • eiusdem
  • eiusque
  • faculatis (propriae)
  • fideiussorum
  • gubernantium
  • illius
  • infelicissimorum
  • mandatorum
  • mariti
  • minoris, minorum
  • morientis
  • mulieris
  • patris
  • pauperum
  • principalis
  • ptochii
  • reipublicae
  • Romanorum
  • sponsorum
  • venditoris
  • venerabilis domus
  • viri
  • rei aestimatio

  • auctor
  • casus
  • privatae comes
  • correctio
  • custodes
  • diligentia
  • emendatio
  • eventus
  • examinatio
  • mensura
  • refugium
  • restitutio
  • sollicitudo
  • rei dare fidem

  • dare ordinem
  • esse mensura
  • fieri confusio
  • mederi
  • rem res

  • abnegare
  • abscondere
  • 64

    rem res accipere

  • adinvenire
  • adire
  • agere
  • alienare
  • amittere
  • apprehendere
  • arripere
  • aspicere
  • auferre
  • celare
  • compensare
  • conquirere
  • conscribere
  • contingere
  • custodire
  • dare
  • derelinquere

    (in testamento)
  • detinere
  • disponere
  • dividere
  • donare
  • emere
  • erogare
  • exigere
  • facere deteriorem
  • facere deteriores
  • gubernare
  • habere
  • invenire
  • offerre
  • percipere
  • perscrutari
  • rem res possidere
  • praebere
  • praestare
  • recipere
  • recompensare
  • recuperare
  • reddere
  • reformare
  • relinquere

    (nomine legati)
  • repensare
  • restituere
  • salvare
  • sanare
  • subtrahere
  • suscipere
  • tenere
  • tradere
  • trahere
  • transferre
  • transigere
  • transmittere
  • vendere
  • vindicare
  • in rem [actio]
  • missio
  • quam ob rem
  • dolus in re
  • ad res venire
  • vocare
  • 65

    adversus res venire

    rerum ablatio

  • administratio
  • alienatio
  • casus
  • causa
  • cautela
  • circumstantia
  • privatarum comes
  • commutatio
  • conductiones
  • confiscatio
  • consequentia
  • copia
  • curator
  • damnum
  • datio
  • deminutio
  • descriptio, descriptiones
  • desiderium
  • detentator
  • dispensatio
  • divisio
  • dominus
  • effectus
  • emphyteosis
  • emptio
  • emptor
  • experientia
  • experimentum
  • gubernatio
  • hypotheca
  • immensitas
  • rerum infitiatio
  • interitus
  • laesio
  • locatio
  • mediator
  • ministeria
  • natura
  • nihil
  • notitia
  • occasio
  • ecclesiae oeconomus
  • ordinatio
  • ordinatores
  • perditio
  • pericolum
  • permutatio
  • portio dimidia
  • possessio
  • possessor
  • potestas
  • praeiudicium
  • privationes
  • proprietas
  • rapina
  • redditio
  • requisitio
  • significatio
  • solutio
  • sublatio
  • substantia
  • suffragium
  • traditio
  • transactio
  • 66

  • rerum tuitio
  • ubertas
  • usura
  • usus
  • rerum usufructus
  • utilitas
  • veritas
  • vindicatio
  • 1.
    I testi in lingua greca ci sono noti, grazie al codice Marciano

    greco 179, nella Collezione detta delle 168 Novelle, che, pur essendo

    un importante, irrinunziabile punto di riferimento, non è tuttavia da

    considerarsi sempre e necessariamente la base delle traduzioni raccolte

    nell’ Authenticum. La riserva contenuta in quest’avvertenza vale per

    tutti i raffronti che avrò occasione di fare nel corso di questo lavoro,

    tra passi latini e corrispondenti passi greci.
    2.
    I passi che riporto di seguito sono citati con il riferimento ai

    luoghi (pagina e riga; novella, capo, paragrafo) nell’edizione Schoell-

    Kroll.
    3.
    De lingua latina, 1, 93.
    4.
    Pro Murena, 12, 27.
    5.
    Con l’indicazione lat. segnalo gli esempi appartenenti a testi

    esclusivamente latini; se gli esempi appartengono a testi bilingui, ri-

    porto il corrispondente greco di res ogni volta che è diverso da πράγμα.
    6.
    Il ragionamento non è ineccepibile: il fatto che la vita monastica

    innalzi gli animi a Dio sarà la causa per cui è da considerarsi sacra,

    e non viceversa. La distorsione logica è dovuta a quell’ex hoc che

    mal s’adegua al greco αύτόθεν.
    7.
    Anche per gli esempi che seguono vale l’avvertenza di n. 5.


    Anna Maria Bartoletti Colombo . :

    This page is copyrighted

    Refbacks

    • There are currently no refbacks.